Giorno 6

Asbirgy, il Troll e la Chiesa, Myvatn e ancora Hverir

In viaggio FRA LAGHI, CANYON E GEOTERMIA

In decine di anni l’uomo è capace di lavorare, come una formica, scavare, rompere, spostare, a volte per qualcosa di buono, spesso per qualcosa di indegno. Quando l’uomo smette di curare le “sue” opere esse deperiscono e si distruggono inesorabilmente. La natura qui, per ben due volte, ci mostra oggi come in tre giorni, o in tre ore, essa sia in grado di compiere opere incredibili, mutazioni inimmaginabili che, abbandonate al loro corso, si impreziosiscono giorno dopo giorno e diventano due meraviglie che possiamo solo osservare. Increduli.

Una prima, breve sosta nei pressi di un lago misterioso di cui oggi non riesco a ricordare il nome, formatosi incredibilmente in poche ore a seguito dell’abbassamento del suolo rispetto al livello del vicino mare a seguito di un movimento tettonico, stando a quanto spiegato dal pannello illustrativo che lo descrive.

ASBIRGY CANYON: LO ZOCCOLO DEL CAVALLO DI ODINO

Il canyon di Asbirgy: la leggenda dice sia stato formato come impronta dello zoccolo del destriero di Odino; una spiegazione più attuale lo descrive formato in due o tre giorni da un celebre Jokulhlaup a seguito di un’altra tremenda eruzione del Grimsvotn sotto la calotta glaciale di Vatnajokull. Lungo 3,5 km, largo 1 km, delimitato da pareti di nuda roccia verticale alte anche 100m, rappresenta la culla di molte specie di betulle che crescono incredibilmente fino a 8 metri di altezza, dando oasi a pecore affamate, in una terra dove il verde non è proprio diffuso.

IL TROLL E LA CHIESA NELLA VALLE DEL JOKULSARGLIJUFUR

Il viaggio seguita poi nella valle del Jokulsargljufur, un canyon di 30 km, largo 500m e profondo 100 m formato da altri Jokulhhaup e dal Jokulsa che scorre per 200 km dal Vatnajokull al mare. Lungo lo stesso rimaniamo estasiati da formazione che la natura ha scolpito nella roccia. Colonne ordinate a formare fogli spessi alcuni metri di dura roccia, poi piegati dalla potenza di questa terra in modi bizzarri, a dare vita alle formazioni del Troll e della Chiesa, un imponente grotta che è stata un bel rifugio dalla pioggia incessante.

SI RITORNA AL MYVATN

Prosegue il viaggio, una sosta divertente (ma per nulla gratificante dal punto di vista del palato e dell’accoglienza) presso il caffè Vogafjos dove la sala da pasto è divisa dall’allevamento e sala mungitura da un vetro che consente di vedere le impigrite e annoiate mucche che popolano una stalla all’avanguardia.

Il livello di interesse si eleva però solo quando la strada ci porta nella parte meridionale di Myvatn.

I crateri e gli pseudocrateri che, a volta smembrati per quasi metà del loro volume, troneggiano sul lago, sono incoronati da un arcobaleno che toglie il fiato. La strada guida la vacanza, l’orologio e la stanchezza non contano: si ritorna a provare la sensazione di sentire il cuore della terra che batte sul Hverir.

Emozioni indescrivibili. Solo silenzio.

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.