Giorno 2 - Parte 2

VIK e Reynisdrangur

Giorno 2 – Parte 2 – Vik e Reynisdrangur

Il suggestivo paese di pescatori di Vik ci accoglie in maniera davvero singolare. Inizia a piovere in una mattina mai calda. Le gocce che arrivano al suolo iniziano in breve tempo a sollevare una curiosa nebbia, un mantello che avvolge l’asfalto, sale sopra in marciapiedi e nasconde le ruote delle automobili. Scendo dall’auto, mi inginocchio, il terreno è tiepido, troppo caldo per il poco sole della mattina. L’umidità dell’aria favorisce la condensa, il suolo caldo fa evaporare l’acqua che cade e la nebbia che si forma danza e avvolge tutto in uno spettacolo che fa pensare, fa anche preoccupare ma che per nulla è nuovo agli abitanti del posto. E allora, tranquillizzati dalla serenità di chi quel posto lo vive e lo conosce, diventa facile rilassarsi e lasciarsi andare ad un bel caffè caldo in un suggestivo e accogliente ristoro, l’Halldorskaffi.

Reynisdrangur: la Spiaggia Nera

Arriva il momento di riavvicinarsi di nuovo al mare, con i faraglioni e la spiaggia di Reynisdrangur. Questa volta si può dire di avere davvero vicino l’effetto delle forze di questa natura, combinate a forgiare quest’isola. Le eruzioni che hanno plasmato le rocce in forma di colonne, l’acqua e il vento che hanno frantumato queste colonne e poi le hanno masticate pazientemente fino a triturarle e trasformarle in una fine sabbia nera che si scalda sorprendentemente anche con il timido sole che spunta a momenti. E’ istintivo rotolare su quel pendio fino a sprofondare nella sabbia nera, onorare la Terra in silenzio al cospetto delle sue colonne, respirare l’aria salmastra e ringraziare.

Post Correlati

Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.